Molti uomini e molte donne tradiscono per mancanza di intesa sessuale.


Stando a quanto emerso da diverse ricerche condotte negli anni, molti uomini e molte donne tradiscono il proprio partner per una mancanza di intesa sessuale.

Fantasia

A volte tra le lenzuola manca la fantasia, il rapporto finisce per appiattirsi e così anche se la coppia nella vita è affiatata e c’è amore, uno (o entrambe) i partner, tradiscono. Il consiglio è spronarsi a uscire fuori dai soliti schemi in cui la coppia si trova prigioniera. A volte, basterebbe cambiare posizione.

Ignoranza

Un altro problema è rappresentato dall’ignoranza dell’apparato sessuale e, di conseguenza, di come si può dare piacere alla/al partner. Stando a quanto raccontano i sessuologi questa mancanza di conoscenza è più frequente tra gli uomini che, in questi casi, pensano che tutto quello che piace a un “lui”, possa piacere a rigor di logica anche a una “lei”. I partner sono insoddisfatti e così finiscono per cercare sfogo altrove.

Conoscersi

È molto importante che la coppia si scopra volta dopo volta, rapporto dopo rapporto, in modo che tutti i sensi vengano attivati. Da un lato lasciarsi andare, vivere il sesso senza abitudini e regole, mantiene il rapporto vivo. Dall’altro questo è il modo per rinsaldare l’intimità, aspetto fondamentale qualora all’interno della coppia sorgessero problemi di salute che investono la sfera sessuale.

Insieme per affrontare i problemi

Oggi le disfunzioni sessuali non sempre vengono affrontate in maniera corretta, anche se sono molto frequenti: per esempio sono 3 milioni gli uomini che soffrono di disfunzione erettile, mentre circa il 20% delle donne possono avere dolore nel rapporto sessuale, un dato che sale al 40% delle donne in post-menopausa.
Individuare in tempi utili la patologia consente di indirizzare il trattamento e ridare una vita pienamente vivibile a tutti questi pazienti. In primo luogo alle donne che soffrono di vulvodinia, patologia estremamente dolorosa ancora poco conosciuta e, purtroppo, sottodiagnosticata. Scopri qui di cosa si tratta, come si arriva alla diagnosi e come curarla.

fonte: http://www.ok-salute.it

Lascia un commento