Giochi di Ruolo: superare i tabù


Le regole di base per i Giochi di Ruolo

Immagina di poter dire a un poliziotto dove può “mettersi quella multa”, o al tuo docente di storia cosa ne pensi della storia del diciottesimo secolo: c’è un piacere intrinseco nel dire quello che pensi, soprattutto se le convenzioni sociali te lo impedirebbero. Per chi ha vissuto questo tipo di tabù, l’adrenalina risultante da un gioco di ruolo potrebbe essere deliziosa.

Spesso le fantasie sessuali nascono dagli stessi tabù sociali. Una poliziotta attraente, un’infermiera o una hostess, possono richiamare alla mente l’eccitazione del far sesso con un’autorità o in un luogo proibito.

Le fantasie sono qualcosa di personale e soggettivo, ma se c’è qualcosa che le accomuna, è che vivono al di fuori delle normali possibilità che la nostra vita sessuale ci concede. Ecco perchè l’arduo compito di convincere il partner a immettersi nei giochi di ruolo interpretando l’infermiera, un giocatore di football, un poliziotto, diventa fondamentale per riempire e soddisfare pienamente i nostri desideri sessuali.

Detto questo, vale la pena notare che qualsiasi gioco di ruolo ha un certo potenziale erotico. Le caratteristiche di base comune a tutti i giochi di ruolo sono la posizione, il posto e la potenza (le tre P delle fantasie erotiche), ma puoi dare più o meno importanza alla P che preferisci. Devi solo soffermarti un attimo per capire in cosa consistono esattamente le tue fantasie, dove dovrebbero avere luogo, e se ti servono oggetti particolari per renderle realizzabili.

Di seguito, troverai alcuni consigli su come convincere il partner a mettere quell’uniforme e farti una strana visita medica. Sono solo suggerimenti, cerca solamente di essere onesto e dialogare con lui/lei per fargli capire che per te sarebbe un piacere da condividere. Dato che probabilmente conosci il suo carattere, segui l’istinto e proponigli la cosa in maniera onesta, ma decisa.

La comunicazione

Forse la parte più difficile dell’iniziare a praticare dei giochi di ruolo è quella di convincere il proprio partner, dato che le fantasie possono intimorire e spaventare l’altro. La chiave è far sentire il partner come una parte importante della propria fantasia. Inizia la conversazione parlando delle tue fantasie più intime e chiedigli delle sue. Una volta che siete a vostro agio con l’argomento potete iniziare a pensare a come metterle in pratica.

Tieni a mente in questa fase iniziale che dovresti esaltare l’unicità di questa situazione. I giochi di ruolo non sono qualcosa che faresti con qualcuno conosciuto in un bar, ma con qualcuno con cui ti senti profondamente a tuo agio. Rendendo la situazione speciale enfatizzi l’importanza del tuo partner, aiutandolo a sentirsi desiderato e a calarsi nella parte.

Poi, organizzati con i tempi. Fai in modo da avere abbastanza tempo per completare tutta la messa in scena, senza dover pensare a impegni o responsabilità varie (se lavori durante la settimana, il venerdì sera può essere una buona scelta).

Sopratutto per i primi esperimenti, cerca di includere nella sessione qualche attività che svolgi abitualmente con il tuo partner, come cenare, ballare, guardare un film. Questo può fungere da ponte per lo svolgimento della fantasia vera e propria, e può aiutare a sciogliervi un pò.

Ingranare

Ok, adesso che hai convinto il tuo partner a mettere costume e cappello, che succede?

Prepara lo scenario a dovere e procurati tutto quello che ti serve. È fondamentale per l’immersione nella scena dei giochi di ruolo non doversi preoccupare di rifare il letto o doversi procurare qualcosa durante il gioco, potrebbe rompere l’atmosfera.

Entra nel personaggio e recitalo bene. Il divertimento è proprio prendere i personaggi sul serio e vivere davvero la tua fantasia. Questo aiuterà anche la capacità del partner, che potrebbe ancora essere un pò dubbioso, e faticare a calarsi davvero nel personaggio.

Ridere dell’altro, a meno che non faccia parte del personaggio, potrebbe essere una pessima idea. Chi si sta già sforzando di immettersi in dei giochi di ruolo tende a ritrarsi e a rifiutarsi di continuare se ha l’impressione che tu rida di lui. Non ridere non vuol dire non divertirsi. Fai capire al partner che sei eccitato e ti stai godendo la situazione, con suoni, parole e gesti.

Cerca di rendere la cosa divertente, fallo con cura e in sicurezza, e sii pronto a smettere se l’altro non dovesse più sentirsi a suo agio. È bene sapere che anche se si fallisce una volta, questo non vuol dire che non si debba riprovare ancora.

Infine, ricorda che l’unico afrodisiaco davvero efficace è l’organo situato fra le orecchie. Citando il Dr. Granzig: “cos’è il desiderio se non la speranza di poter compiere tutte le tue fantasie sessuali? Ed è tutto nella tua mente”.

Lascia un commento